logo small
main header 2021

25 NOVEMBRE 2022 - Comunicato Stampa

UN 25 NOVEMBRE DI LOTTA PER RICORDARE LA BATTAGLIA QUOTIDIANA CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE

In vista del 25 novembre il Coordinamento dei Centri antiviolenza dell’Emilia-Romagna
diffonde una valutazione dei dati parziali al 31 ottobre

Il 25 novembre è la giornata internazionale per il contrasto alla violenza contro le donne.

In occasione di questa giornata, come ogni anno, il Coordinamento dei Centri antiviolenza dell’Emilia-Romagna diffonde i dati parziali, aggiornati al 31 ottobre 2022.

Scegliamo di pubblicare i nostri dati per ricordarci che il 25 novembre è una giornata di lotta, che si inserisce in una storia d’impegno quotidiano e decennale dei nostri Centri aderenti.

I dati sugli accessi ai Centri del Coordinamento ci mostrano un aumento delle “donne in percorso” rispetto al 2021, dovuto ad un incremento dei percorsi superiori ad un anno.

Il dato evidenzia, da un lato, la determinazione delle donne nel portare a termine il progetto di fuoriuscita dalla violenza, ma, dall’altro, riflette un aumento dei casi di violenza più gravi,
che solitamente comportano iter di emersione  più lunghi.

Aumenta, inoltre, la percentuale delle donne che hanno subito violenza sessuale, un dato di difficile interpretazione,
poiché sappiamo che l’incremento dei casi registrati non sempre corrisponde ad un maggiore numero di reati, ma spesso riflette il dato positivo di una maggiore emersione del fenomeno,
generalmente caratterizzata da un forte sommerso.

La violenza di genere riempie ancora troppo spesso le pagine di cronaca nera.
I femminicidi si sono ripetuti con progressione impressionante, anche solo nelle ultime due settimane.
L’ultima donna uccisa è stata ritrovata, bruciata, nel bagagliaio della propria auto venerdì scorso, nel modenese.
In questi giorni il nostro pensiero va anche a Saman Abbas, il cui corpo sembra essere stato ritrovato dopo oltre un anno di ricerche.

È fondamentale creare spazio e risorse affinché la violenza sia riconosciuta in tempo utile, perché le donne possano denunciare senza paura e liberarsene.
Riconoscere la violenza di genere significa parlarne nei giusti termini,
fornire strumenti a tutti gli attori coinvolti – dalla polizia alle istituzioni – perché possano offrire risposte adeguate;
significa evitare la vittimizzazione secondaria nei percorsi giudiziari e nella narrazione della violenza resa dalla stampa.

Oggi, nel presentare i dati relativi agli accessi ai 15 centri del Coordinamento nel 2022,
vogliamo ribadire che la violenza sulle donne è un fenomeno che va contrastato fin dalle sue radici, nella struttura patriarcale su cui si fonda,
con interventi diffusi e capillari ed una disponibilità al cambiamento che vada oltre le frasi di circostanza.

Le donne che si sono rivolte ai 15 Centri antiviolenza del Coordinamento regionale dal 1 gennaio al 31 ottobre 2022 sono state complessivamente 3766.
Di esse 3550 donne (94,0%) hanno subito violenza.
Le donne nuove vittime di violenza
, ovvero le donne che si sono rivolte per la prima volta ad un Centro antiviolenza, 

sono state 2451 nello stesso periodo, mentre le donne in percorso da anni precedenti sono state in totale 1099.

SCARICA IL COMUNICATO STAMPA COMPLETO

NOI CI SPENDIAMO E TU? - NOVEMBRE 2022

coop alleanza 25nov22 poster page 0001

La prevenzione alla VIOLENZA SULLE DONNE viaggia con i BUS

COMUNICATO STAMPA 08112022

La CONSAPEVOLEZZA delle DONNE

Date importanti per riportare l'attenzione sulla 
CONSAPEVOLEZZA personale.
Il corso è completamente gratuito e diviso in tre sabati
Il 17, il 24 settembre e il 1 ottobre dalle 14.00 alle 16.00
presso la Palestra Lomazzo
Non occorre prenotazione
IMG 20220913 151203 795

FEMMINICIDIO - BOLOGNA 23 AGOSTO 2022

Dallo stalking al femminicidio,
la violenza di chi vuole controllare la vita delle donne
 
Nella serata di ieri, martedì 23 agosto, a Bologna, Alessandra Matteuzzi è stata uccisa. Sembra che l’autore del femminicidio sia il suo ex compagno, Giovanni Padovani, già denunciato per stalking proprio dalla donna. Alessandra è stata uccisa mentre rientrava a casa, da un uomo su cui pendeva, stando a quanto apprendiamo dai giornali, un divieto di avvicinamento.
Come Coordinamento dei Centri Antiviolenza dell’EmiliaRomagna esprimiamo il nostro dolore e la nostra rabbia per questa ennesima violenza, e la nostra vicinanza ai familiari, alle amiche e agli amici di Alessandra.
La valutazione del rischio e della pericolosità è una parte fondamentale del lavoro dei centri antiviolenza.
Perciò, siamo consapevoli di quanto sia difficile valutare la pericolosità di una violenza come lo stalking, ma il femminicidio di Alessandra ci ricorda la necessità di non sottovalutare questa violenza, che denota la volontà di controllare la vita della vittima e il rifiuto della separazione.
 

Sit-In : SORELLA IO TI CREDO!

Giovedì 23 Giugno alle ore 9.00,
le rappresentanti dei Centri antiviolenza
che fanno parte del Coordinamento dei Centri antiviolenza dell’Emilia Romagna
si riuniranno per un sit-in di protesta davanti al Tribunale di Modena,
in via Canal Grande, 77,
insieme ai movimenti e alle associazioni che condividono
con loro la lotta contro la violenza sulle donne.
Il duplice femminicidio di Gabriela e Renata, madre e figlia residenti a Castelfranco Emilia, in provincia di Modena, avvenuto nel giorno in cui pendeva una richiesta di archiviazione per violenze, ci mette di fronte all’evidenza che nelle Procure e nei Tribunali NON CREDONO alle donne.
Sarebbe bastato ascoltare la figlia di questa donna per misurarne il terrore, sarebbe bastato interrogare i vicini, o semplicemente risentire approfonditamente la donna per capire quale era la situazione.
Gabriela aveva denunciato per ben tre volte il marito.
Queste stragi sono MORTI ANNUNCIATE.
Sono le morti dell’indifferenza, del minimizzare la violenza intra-familiare, sono il risultato della profonda, misogina, permanente cultura patriarcale che considera le donne che denunciano “bugiarde”.
 
Sit in 23 06 22 ADESIONI 2
 

La grande cena 2022

COMUNICATO STAMPA - tentato femicidio Bologna

SIAMO STANCHE DI ESSERE SOPRAVVISSUTE

Il Coordinamento dei Centri antiviolenza dell’Emilia-Romagna prende parola sul tentato femicidio di Bologna

Ha una prognosi di oltre 25 giorni ma dovrebbe e deve sopravvivere la donna che nella giornata di sabato è stata vittima di un tentato femicidio, a Bologna. Come coordinamento dei Centri antiviolenza le esprimiamo la nostra vicinanza, ben consapevoli che non si può parlare di tragedia scampata ma piuttosto di sopravvivenza.

Sono molte le donne uccise ogni anno dalla violenza patriarcale. Fortunatamente le donne che riescono a sopravvivere a questa violenza sono molte di più. Combattiamo quotidianamente insieme alle donne che si rivolgono ai Centri per il cambiamento di un mondo che non ci rispetta, uccide, violenta e molesta ancora e ancora. Sappiamo quanto sia difficile sopravvivere, fisicamente, psicologicamente ed emotivamente alla violenza sessista; è per questo che lottiamo, perché le donne non debbano più sentirsi della “sopravvissute” ma possano vivere liberamente.

 

SCARICA IL COMUNICATO STAMPA COMPLETO

 
 

La Primavera delle Donne - venerdì 20 maggio

cena di gala page 0001
Questo sito utilizza i "cookie" per migliorarne la navigazione e garantire una corretta visualizzazione di tutte le aree delllo stesso. Chiudendo questo banner il visitatore e/o l'Utente Registrato, acconsente all’uso dei "cookie". Per saperne di più vai alla pagina Informativa Cookies.